Segui @adamato52 su Twitter.

Commenti recenti
    Archivi
    pensieri
    2697838-marino_renzi

    QUALCHE AMARA RIFLESSIONE SU ROMA

    Ho l'impressione che Renzi si trovi a dover passare in mezzo a un groviglio da cui è veramente difficile uscirne. Sembravano insormontabili le varie riforme approvate, sembrava impossibile uscire bene dalle elezioni del Quirinale e qualcuno ha detto che risolto quello la strada sarebbe stata in discesa. E invece ...
    Leggi Tutto

    RENZI HA CAMBIATO IDEA ? IO NON CREDO

    Prendo spunto dal post del mio amico Massimo (QUI) ma anche da tutti gli articoli e titoli usciti ieri sulla questione forma partito. Tutti nati dopo l'intervista di Matteo Renzi a L'Espresso (QUI) Due premesse, ne ho parlato tanti mesi fa (Leggi Tutto

    logo l'espressoPrendo spunto dal post del mio amico Massimo (QUI) ma anche da tutti gli articoli e titoli usciti ieri sulla questione forma partito. Tutti nati dopo l’intervista di Matteo Renzi a L’Espresso (QUI)

    Due premesse, ne ho parlato tanti mesi fa (QUI), quindi concordo al 105% che il problema esista. Seconda premessa, spero che non si ricominci come nel passato a discutere per anni di forma partito mentre gli altri fanno politica e vincono.

    Detto questo, i titoli visti non riesco a comprenderli. Matteo cambia idea? Su che? Le primarie non le ha inventate lui, c’erano. Che così come sono non funzionano lo ha capito prima di tutti quando si sono fatte le nefandezze più assurde per farlo perdere, sia la prima che la seconda volta.

    Ho letto, da parte di quelli che dovrebbero ritirarsi in un angolo a vergognarsi per i prossimi 25 anni e che invece parlano ogni giorno dovunque, che .. certo ormai lui è segretario.. ora le primarie le vuole chiuse.

    Dove lo avete letto? Ha detto che quelle nazionali rimangono così, che forse ci sarebbe da rivedere le regionali. Già perché ora ci siamo accorti che esistono le regionali. Qui nel Lazio non ce ne siamo accorti, qui il candidato lo ha scelto Bersani, altro che primarie. Se avesse fatto una cosa simile l’attuale segretario sarebbero scesi in piazza, ma a Pigi con la faccetta da padre di famiglia e questacquaquà abbiamo concesso le peggiori zozzerie. E comunque per la precisione ha parlato di eliminazione delle primarie per il Segretario Regionale. Che detto fra noi se si eliminasse proprio la segreteria non se ne accorgerebbe nessuno.  Ma va bene. Poi ho sentito dire, ecco si riparla dell’albo degli elettori. E ok, ma bisogna vedere di che parliamo, se è di quella schifezza ideata per far perdere Renzi, quello vorrebbe dire che vogliamo giocarci il partito.

    Chiariamoci, l’identificazione fra tesserati ed elettori è roba del 900, dimentichiamocela, non esiste più. Oggi sarebbe un errore enorme, far decidere tutto a 300.000 iscritti se questi la pensano differentemente dai 20 milioni di potenziali elettori. Significherebbe portare il partito a 300.000 elettori (per dire).

    Diverso è parlare di regolamentazione per legge, come ho sentito da Gennaro Migliore. Perché inutile girarci intorno le primarie per funzionare devono essere come in America, l’albo è in pratica un registro nazionale, dove tu puoi votare alle primarie una sola volta e non ogni volta che ti pagano per farlo. Sarà facile? Non credo, con tutti i partiti personali che ci sono in Italia.

    Nel frattempo, qualcuno veramente vuol far credere che il problema sia primarie aperte, primarie chiuse? Se ci provano, diffidate! Io le peggiori schifezze che veramente hanno alterato gli esiti del voto le ho viste ai congressi, le ho viste quando a votare erano le tessere. Quando sono aperte, certo che intervengono fattori esterni, certo che la destra si sceglie un candidato perdente e manda i suoi in massa a votarlo. Ma i numeri sono diversi ed è difficile cambiarli.

    Quando mi adoperai per promuovere Patrizia Prestipino alle primarie del Comune di Roma, dissi senza timore che la calata in scena di Marino da parte dell’establishment del partito era una vera porcheria. Poi ci dissero che c’erano i Rom in fila, poi altre cose, poi altre. Ma non ci raccontiamo balle, Marino lo hanno votato i romani. Non si truccano decine di migliaia di voti. E questo vale anche per la Liguria, se ne faccia una ragione Cofferati, che se la destra è entrata nelle primarie è per votare per lui. E questo vale per la Campania. De Luca lo hanno votato i Campani. Ci piace? No, e non piaceva nemmeno a Renzi che ha fatto di tutto per evitarlo. Semplicemente perché sapeva benissimo che il giorno dopo avrebbero crocifisso il Pd che candida un condannato.

    Però allora dobbiamo deciderci, bisogna rispettare la volontà popolare o solo quando ci fa comodo? Renzi deve ascoltare il partito e rispettare le realtà territoriale o deve fare il dittatore? Tutto si può fare, purché chi decide poi si prenda la responsabilità. Perché qui siamo all’assurdo, sempre più cittadini, sempre più militanti vogliono decidere, vogliono scegliere. Solo che quando gli è dato modo e decidono per il peggio, a cose fatte danno la colpa ai partiti non a sé stessi.